Luminanti
︎︎︎




Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/80dd4c18203b5aee66a29f88c957b09cafcc05a4edfa64ba696df2a1e6fa4cfa/Kevin-Blaser.jpeg

Kevin Blaser
(1990)
Kevin si è formato presso l’Accademia Teatro Dimitri, ha partecipato a diversi workshop teatrali e come attore in diversi film di produzione Svizzera (tra cui Tutti giù, Niccolò Castelli, 2011) e numerose pièce teatrali (L’incatenato, 2019). Nel 2020 è coregista, con Sara Lerch di Don Quijote (Theaterzirkus Wunderplunder). Il testo L’Incatenato (Teatro Fluctus, 2019) è stato scritto a quattro mani con Tito Bosia.


Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/5083342b38eaf0d5d39612304705d67fc67a7f3c4001fb4839ed691a6908afa7/Tito-Quad.jpeg
Tito Bosia
(1990)
Ha scritto con Kevin il testo L’incatenato, frutto anche di una sua esperienza come medico volontario all’estero; è la sua opera prima, ed è stato prodotto da Fluctus Teatro nel 2019. Per lui la scrittura «era un mero strumento di analisi» ed ora «si è trasformato in un potenziale mezzo di sintesi». Attualmente lavora come medico a Basilea; legge molto, scrive a tratti, suona diversi strumenti.


Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/c068996f98bc12b822d1230706b2334d2cb37f22fe6e288dd8dcb501a0522349/Lalitha-Delparente-3.jpg
Lalitha Del Parente
(1988)

Lalitha è violinista, attualmente lavora a Zurigo. Interessata alla contaminazione tra le arti e alle storie di donne, si è candidata con un testo che presenta tre personaggi femminili «riusciti a sfuggire all’ombra dei giganti» e che «hanno lasciato il loro nome nella storia dando uno spiraglio di luce a tutte le altre: Camille Claudel, Lee Krasner e Kiki de Monteparnasse», personalità che l’hanno ammaliata perché hanno «lottato affinché la loro indentità non fosse insabbiata in un’epoca in cui si balbettava soltanto riguardo all’indipendenza delle donne».




Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/173e93ab67faaaf3abe2bb4857158f28ed843be5f6e0c623e3fb7413e2c24197/Marzio-gandola.JPG
Marzio Gandola
(1995)

Neolaureato in fisica al politecnico di Losanna, attore, Marzio fonda nella stessa città la compagnia teatrale Pourquoi Pas?, grazie alla quale coltiva la passione per il teatro, attività che sempre l’ha accompagnato nel percorso di vita. La scrittura segue parallela questo binario, e da molto tempo Marzio lavora su Furti, il testo che ha inviato a Luminanza e che pone a confronto un professore e una ragazza, i quali, in quella che si capisce essere la “sala d’attesa” di una stazione di polizia, si interrogano sul senso della lotta sociale, sulle visioni del mondo di due generazioni apparentemente distanti e inconciiabili.



Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/488f82ad2e7afdaf9490dbb8ac139fa6b98bf385db1c26c63fab4aa523466a47/Achille-Giacopini-Quad.jpg
Achille Giacopini
(1992)

Dopo gli studi in filologia moderna presso La Sapienza di Roma, ha cambiato rotta ed attualmente, accanto alla passione letteraria, affianca il lavoro di ispettore per la Polizia cantonale (dice di sé: «passo la mia vita privata a fare il secchione, leggendo e scrivendo»). Il testo con il quale si è candidato a Luminanza è un romanzo fantastico scritto in maniera corale e con una forte venatura comica: in “scena” – nemmeno a dirlo – un gruppo di reclute di polizia che si perdono armate in un mondo tropicale e tecnologicamente arretrato.



Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/4b662222916c9449e2290309f61b31d3eb9f49364a7d1d8a60a05f45ca007990/Tommaso-Giacopini-quad.jpg
Tommaso Giacopini
(1993)


Dopo la formazione presso l’Accademia Teatro Dimitri ha proseguito le sue ricerche in ambito teatrale a Londra, laurendosi in Creative Practice:Transdisciplinary Focus presso il Trinity Laban Conservatoire of Music and Dance, con una tesi di ricerca sulla correlazione tra la dimensione rurale alpina e la realtà artistica londinese contemporanea. Il testo con il quale si è presentato a Luminanza è Involucrum – Monologo di un bambino spezzato, un testo «crudo, feroce a tratti» che finora non è mai stato concretizzato in rappresentazione teatrale.



Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/d3287b5008b86fcf54d6f242bfee9a6c6f9c1a65c194e980bbec533c0eb8abf4/Francesco-Puppini-Quad.JPG
Francesco Puppini
(1995)

Regista, sceneggiatore cinematografico, ha esordito, a livello cinematografico, con Virginia (BFI Future FILM Lab Award, Myllenium Award), cortometraggioripreso alla Biennale Musica di Venezia. Si è presentato al comitato di Luminanza con un testo intitolato Two Strangers.



Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/e28c8828ae2603b3ebff1c9ca47e91bf0c01d78b24979106b07f7fe0d07a1710/Elisa-Rusca-Quad.jpg
Elisa Rusca
(1986)

Elisa ha conseguito il suo Master in stora dell’arte e archeologia presso l’Università di Losanna, ed è curatrice di diverse mostre per istituzioni pubbliche e private. È anche autrice di una raccolta di racconti intitolata Left Alive (Roma, Versol’Arte, 2018). Il testo con il quale si è candidata è «una storia dolceamara che non manca però di ironia», un racconto distopico di un’umanità piegata da disastri climatici e epidemie, ispirata a L’an 2440 di Louis-Sébastien Mercier.