Informazioni
︎︎︎









Luminanza è un reattore per la drammaturgia contemporanea svizzera di lingua italiana. Piattaforma di incontri e workshop in contatto con realtà svizzere e internazionali è possibilità di scoperta e approfondimento della scrittura drammaturgica. Luminanza è reattore, spazio di confronto, crescita e invenzione.

Luminanza ist ein Reaktor für zeitgenössische italienischsprachige Schweizer Dramaturgie. Als Plattform für Begegnungen und Workshops in Kontakt mit schweizerischen und internationalen Realitäten, ist Luminanza eine Gelegenheit, das dramaturgische Schreiben zu entdecken und zu vertiefen. Luminanza ist ein Reaktor, ein Raum der Begegnung, der Diskussion, des Wachstums und der Erfindung.
Luminanza est une réacteur pour la dramaturgie contemporaine suisse de langue italienne. Plateforme de rencontres et d’ateliers en contact avec les réalités suisses et internationales, elle représente la possibilité de découvrir et d’approfondir l’écriture dramaturgique. Luminanza est un réacteur, un espace de comparaison, de croissance et d’invention.

Luminanza es ün lavuratori da fuormaziun da dürada d’ün on per la dramaturgia contemporana svizra in lingua taliana, adressà a giuvens U35.
Sco plattafuorma per inscunters e workshops naziunals (svizzers) ed internaziunals spordsch’la la pussibiltà da scuvrir ed aprofondir la scrittüra dramaturgica. Luminanza es ün spazi da cunfrunt, svilup ed inveziun.





Contatto
cdm2@luminanza.ch
Facebook
Instagram


Sostenuto da
Pro Helvetia, Pro Grigioni italiano,  
Comune di Mendrisio, Société Suisse des Auteurs, Oertli Stiftung, Ernst Göhner Stiftung, Fondation Jan Michalski, Città di Lugano, Comune di Chiasso.


Partner

LAC, FIT─Festival Internazionale del Teatro e della scena contemporanea,
Teatro Coira, ChiassoLetteraria─Festival internazionale di letteratura,
Fondazione Claudia Lombardi per il teatro,
K10─Kunzarchive, Centro Culturale Chiasso,
Museo d’arte di Mendrisio, Teatro Sociale di Bellinzona.



Un progetto di
V XX ZWEETZ


Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/e7bc32f7e47089bf7d0500dfe09341768e1efb5d9378b6ee520cc2ae49b8b9ef/C51A4312.jpg

Alan Alpenfelt
Responsabile Luminanza
Co–coordinamento
Alan è regista teatrale e produttore musicale svizzero e britannico. Dal 2020 coordina Luminanza – reattore per la drammaturgia contemporanea svizzera di lingua italiana, progetto vincitore del bando Close Distance di Pro Helvetia. Nel 2018 ha seguito un master in regia al LAC, coadiuvato dal direttore Carmelo Rifici e la tutor e dramaturg Francesca Garolla. Come regista – dal 2014 ad oggi – ha portato in scena l'adattamento musicale Words and Music di S. Beckett (spettacolo selezionato per il Rencontre du Théâtre Suisse 2015), Il Processo per l'Ombra dell'Asino, Operazione Vega e Sera d'Autunno di F. Dürrenmatt, Lungs di Duncan Macmillan, L'Epidemia di Agota Kristof e Jackie di Elfriede Jelinek, quest'ultimo prodotto da LAC.  Parte del suo interesse si rivolge all'esperienza one-to-one. Il progetto Secret Sound Stories è stato invitato alla Biennale dell’immagine di Chiasso 2014, Trasparenze Modena (2015), AltoFest Napoli (2016), AltoFest Valletta, Malta (2018), Ural Industrial Biennale, Russia (2021). La sua mostra audio-visiva Binaural Views of Switzerland è stata selezionata da Pro Helvetia per la Swiss Selection Edinburgh 2021. Accanto alle attività teatrali, Alan Alpenfelt ha una etichetta musicale – Human Kind Records – con cui produce lavori di poesia sonora. Inoltre, è attivo nel mondo delle radio comunitarie, per le quali ha lavorato in Svizzera, Benin e Marocco.

Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/e090aebf96c1279c0e3f1c4ce16ed472df4d247971d7878dab0e50fde7c3f3b4/C51A4305.jpg

Mara Travella
Responsabile editoria e traduzioni
Attualmente è dottoranda presso l’Università di Zurigo all’interno del progetto Fabbricare l’Europa. L’Italia, la Svizzera, e l’industrializzazione del mercato culturale europeo (1955–1989), diretto dalla Prof. Dr. Tatiana Crivelli. Si occupa della storia dell’editoria della Svizzera italiana. A seguito degli studi liceali intraprende un percorso di studi in  Lettere a Friborgo (letteratura italiana, spagnola e latinoamericana). Parallelamente all’ultimo anno di master, ha seguito un corso di editoria e traduzione letteraria (spagnolo-italiano) presso l’associazione Griò di Bologna. Mara fa parte del comitato del Festival Chiassoletteraria, collabora come giornalista per il Festival di narrazione di Arzo e con Babel Festival di letteratura e traduzione all’interno del progetto Tess. Nei mesi di settembre-ottobre 2019 ha collaborato con l’Ufficio Stampa Il Laboratorio delle Parole per il FFDUL (Film Festival Diritti Umani Lugano). A settembre 2019 ha seguito le Giornate della traduzione letteraria presso l’Università Link Campus di Roma. In qualità di giovane autrice svizzera ha preso parte nel 2019 al Cenacolo Eventiletterari Monte Verità (curatela di Prisca Agustoni) e ha scritto per Matteo Conconi la (sua) biografia intitolata Più forte di prima (Bellinzona, Edizioni Salvioni, 2019). Nel giugno 2019 ha presentato in una lettura pubblica alcuni testi tratti da  Ode laica per Chibok e Leah, di Wole Soyinka, presso la libreria CTLL di Balerna. Per l’Associazione Frequenze di Chiasso ha curato il workshop sulla scrittura breve per gli allievi della scuola di commercio di Chiasso, legato alla mostra di Marco Lupi intitolata Meccanismi.  Da settembre 2019 per Radio Gwendalyn, all’interno del programma Colibrì. Libri per becco di chi li legge, cura la rubrica Risvolti di copertina, dedicata all’editoria e alla traduzione.

Bose 700 headphones, front https://freight.cargo.site/t/original/i/26ba2168079360f1bd252832d2ec50538e586d14ecb9591d853dcd37dc069d6c/Matteo-Luoni-1024.jpg

Matteo Luoni
Dramaturg, pedagogia,
Co–coordinamento
Nasce in provincia di Varese nel 1987. È diplomato autore alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi e laureato in Comunicazione all'Università San Raffaele di Milano. Tra i suoi testi teatrali: L’ anatomia degli affetti, supervisione registica di Lucia Calamaro, Elettra, parte dello spettacolo vincitore premio UBU e premio della Critica 2016 Santa Estasi. Atridi: otto ritratti di famiglia di Antonio Latella; Aiace, per la regia di Linda Dalisi, con cui divide la drammaturgia; Adios, che firma assieme a Simon Waldvogel; Le ossa danzanti, uno studio di Pablo Solari; e Deliquio, per la regia di Domenico Ingenito. A Settembre 2020 fa il suo debutto alla Biennale di Venezia sezione Teatro con il testo Elia Kazan: Confessione Americana per la regia di Pablo Solari. Ha partecipato allo Studio Européen presso La Chartreuse di Villeneuve Lez Avignon e al Drama Lab di Fabulamundi Playwrighting Europe. Lavora inoltre come copywriter e autore per studi di comunicazione e pubblicità.

Concetto grafico

Web design